A+ A A-

La Storia

La società presieduta da Vincenzo Failla è stata costituita nel 1995 da un gruppo di amici maratoneti. Fin da subito, l’obiettivo di tutti fu, non tanto la voglia di competizione, quanto il desiderio di divertirsi e di visitare posti nuovi, con il comune denominatore di partecipare alle maratone nazionali ed internazionali. Questo sodalizio ha ottenuto, inoltre, grandi risultati nell’organizzazione della “Mezza Maratona di Messina”.

Filippide o Fidippide? Da questo dubbio storico, ripropostosi in sede notarile, sull’esatto nome del leggendario militare che, dopo la vittoria sui persiani nella battaglia di Maratona (490 a.C.), venne incaricato di recare, di corsa, la buona notizia ad Atene percorrendo i circa 42 km che dividono le due città, mosse il primo passo ufficiale nel 1997 la società Fidippide.

Costituita da un gruppo di amici maratoneti, fu composta inizialmente da dieci soci fondatori e tre atleti, Enzo Failla, Sergio Lo Duca e Vincenzo Scarcella che, nel breve volgere di pochi mesi, diventarono circa una ventina. Fin da subito, l’obiettivo di tutti fu, non tanto la voglia di competizione, quanto il desiderio di divertirsi e di visitare posti nuovi, con il comune denominatore di partecipare alle maratone nazionali ed internazionali. La Fidippide ha portato avanti, così, questa linea ed i suoi tesserati si sono iscritti in quasi tutte le più importanti maratone italiane, europee e mondiali, come Roma, Parigi, Londra, Berlino, Praga, New York, Boston e l’esotica Avana.

Non sono mancate anche le partecipazioni ai campionati Amatori/Master internazionali di mezza maratona: Europei di Malta 2002 e Mondiali di Riccione 2003. Girando per il mondo, i podisti della Fidippide, oltre ad ammirare luoghi incantevoli, hanno corso in gare di grande spessore e estremamente partecipate. Il vivere di persona manifestazioni tanto importanti e la voglia di fare qualcosa di proprio, li ha stimolati ad organizzare nel 2000 una gara provinciale di mezza maratona nell’incantevole scenario proposto dai laghi di Ganzirri. I 113 arrivati della prima edizione hanno dimostrato che questa mezza maratona aveva ampi margini di crescita e, così, è stato, tanto che si è arrivati, come prova del Gran Prix Regionale, al record di ben 723 iscritti (2005).

Un successo, fortemente voluto dagli organizzatori, che hanno portato nella città dello Stretto atleti di assoluto valore. Indimenticabile l’edizione del 2007, quando la gara venne presentata alla maratona di Milano dal campione olimpico di Atene 2004, Stefano Baldini, e poi tagliarono il traguardo, posto a piazza Duomo, anche due grandi interpreti dell’atletica italiana come Ruggero Pertile e Angelo Carosi. In otto anni di vita hanno corso la “Mezza Maratona di Messina”, grazie anche al sapiente lavoro del direttore generale Pippo Leone, tanti personaggi di spicco: Danilo Goffi, Francesco Ingargiola, Laura Fogli, Vincenzo Modica, Francesco Bennici e numerosi forti africani.

Nel 2009 la Fidippide decise, però, di concludere questa affascinante esperienza e di concentrarsi unicamente sulla partecipazione alle varie gare, come ci ha confermato il presidente Enzo Failla: “Lo spirito aggregativo e la ricerca del sano divertimento sono stati e saranno sempre i nostri punti di riferimento. Ci prepariamo alle corse non prettamente per i risultati agonistici, ma per girare il mondo nel segno del podismo. Per quanto riguarda la Mezza Maratona di Messina è stata una bella esperienza e possiamo anche affermare che abbiamo lasciato un segno tangibile, a livello organizzativo, in ambito provinciale e regionale. Questo ci inorgoglisce, come siamo tutti felici quando un atleta della Fidippide gareggia in altre città italiane o estere o in prove impegnative come le 100 chilometri. Chi si tessera con noi lo sa e, nella maggior parte dei casi, è proprio questo motivo che lo induce a scegliere la Fidippide”.

CORRITALIA 2016

...dal 1995 a girare il mondo divertendosi di corsa!
zatopekSe desideri vincere qualcosa puoi correre i 100 metri. Se vuoi goderti una vera esperienza corri una maratona. Emil Zátopek